Archives for:
“Press”

Dolomiti Emergency acquista quattro droni per il soccorso in montagna

Saranno consegnati alla Delegazione del Cnsas e serviranno per intervenire in luoghi impervi o in zone pericolose nella ricerca di feriti e dispersi

 

Quando nel soccorso in montagna ci si trova a intervenire in luoghi difficilmente raggiungibili o in zone pericolose la tecnologia può dare un aiuto importante. Stiamo parlando dell’utilizzo di droni per cercare dispersi, trasmettere immagini dell’area interessata e raggiungere più facilmente la meta esatta. Anche il Soccorso alpino bellunese scende in campo per far cooperare uomo e macchina e rendere ancora più incisive e dettagliate le operazioni di salvataggio.

La II zona delegazione Dolomiti bellunesi si doterà infatti a breve di quattro droni per il supporto alle operazioni di ricerca e soccorso delle persone in ambiente impervio e ostile, sia d’estate che d’inverno.

L’acquisto della dotazione tecnologica e i corsi di formazione per conseguire l’attestato di pilota sono possibili grazie a un contribuito che il Soccorso Alpino ha ricevuto da Dolomiti Emergency. Sul tavolo quasi 51 mila euro.

Lo stanziamento è stato deliberato mercoledì sera durante il direttivo della Onlus, «nata in provincia con lo scopo di sostenere e migliorare il modello di soccorso e intervento di emergenza in territorio montano», ricorda la presidente, Laura Menegus.

«Siamo quindi più che soddisfatti di poter andare incontro alla necessità del Soccorso Alpino di dotarsi di tecnologie all’avanguardia. Senza dimenticare che l’utilizzo di queste innovative strumentazioni, oltre a rendere più efficaci le operazioni di soccorso, limita al massimo l’esposizione al rischio delle varie squadre a terra e in volo».

Gli investimenti per il 2018 programmati dalla II zona delegazione Dolomiti bellunesi si rifanno al progetto “Sherpa”, nato con la collaborazione del Cai e il supporto di università italiane e straniere. In provincia si procederà per step e la prima fase prevede l’acquisto di modelli di droni di piccole dimensioni e che possiedono, allo stesso tempo, caratteristiche ottimali in termini di volato e dotazione tecnica.

«Stiamo raccogliendo i frutti di due anni di lavoro», aggiunge la Menegus, «e questo ci permette di dare un aiuto in più alle realtà del territorio. Risorse maggiori arrivano dalla crescita esponenziale del numero di iscritti a Dolomiti Emergency, che oggi sono 14 mila (due anni fa erano 10 mila, ndr) e anche dal “5 per mille”: il dato 2018 è di 38 mila euro, quello del 2017 era di 33 mila». Dolomiti Emergency parteciperà alle celebrazioni a Pieve per 30° compleanno dell’elisoccorso e sul tema sta organizzando un convegno che si terra a Roma, molto probabilmente in autunno. «L’obiettivo è sensibilizzare la politica nazionale sulle problematiche degli ostacoli al volo», dice ancora la Menegus. Degli aspetti organizzativi si sta occupando il deputato cadorino Luca De Carlo, che è anche consigliere di Dolomiti Emergency. —

Montagna sicura, attivato un numero verde

Unico caso in Italia, le chiamate saranno ricevute dalla centrale operativa 118 e smistate verso chi può dare risposte. Ma non deve servire per le emergenze

BELLUNO. Meglio prevenire che farsi recuperare. Non è uno stravolgimento del noto proverbio, ma la ferma convinzione dei promotori del progetto “Numero verde Montagna sicura”.

Un’iniziativa a cui Suem 118 di Pieve di Cadore, Dolomiti Emergency, Corpo nazionale soccorso alpino, Collegio veneto Guide Alpine, Cai Veneto e Usl 1 Dolomiti stavano lavorando ormai da un anno e che ora è diventata realtà.

«L’obiettivo è prevenire incidenti in montagna, ma anche dare la possibilità a chi la frequenta di segnalare eventuali disservizi e problematiche», spiega Laura Menegus, presidente di Dolomiti Emergency, che si occuperà di tutte le attività di comunicazione per far conoscere il nuovo servizio.

I costi del numero verde – che risponde all’800.22.13.25 – sono a carico del destinatario: in questo caso sarà l’Usl 1 a saldare le bollette. «Alle chiamate risponderanno gli operatori della centrale del Suem che poi, a seconda delle richieste, andranno a smistarle indirizzandole a cascata a chi di competenza, che siano il Cai Veneto o le Guide Alpine», aggiunge Alex Barattin, delegato provinciale del Soccorso Alpino.

«Come Cnsas abbiamo presente un tecnico operativo nella centrale del Suem, tutti i giorni d’estate e il sabato e la domenica dell’intero anno». Il “Numero verde Montagna sicura” – un’iniziativa unica nel suo genere, che vede insieme, per la prima volta, i principali soggetti che operano per la sicurezza in montagna – sarà attivo già da oggi 24 ore su 24 e tutti i mesi dell’anno.

«Dobbiamo precisare che non si tratta di un numero per le emergenze», precisano Barattin e il primario del Suem 118, Giovanni Cipolotti, «per questi ultimi bisogna sempre contattare il 118 o il 112. Questo nuovo contatto ha invece funzione preventiva, ossia dà alle persone la possibilità di programmare un’uscita e chiedere informazioni sul grado di difficoltà o sull’apertura di un sentiero, ma anche di segnalare qualche problematica: pensiamo a una frana oppure una ferrata non sicura per l’assenza di un tratto di corda».

Insomma, l’obiettivo ultimo è far sì che gli incidenti non accadono. «Più si va in montagna preparati e più si evita di farsi male», ribadisce la presidente di Dolomiti Emergency, che conta 12mila iscritti, di cui 2mila solo in questa prima parte del 2018. «Chi è abituato ad andare in montagna sa a chi rivolgersi, ma ci sono diverse persone che non saprebbero chi contattare per avere informazioni preventive e in internet non sempre si trova tutto quello che serve».

«Chi chiamerà il numero verde saprà di interfacciarsi con riferimenti istituzionali, attendibili e qualificati», fa presente Adriano Rasi Caldogno, direttore generale dell’Usl 1 Dolomiti. «Un ulteriore passo verso la prevenzione, per cui tante realtà si stanno muovendo da tempo».
Basti pensare alle attività di formazione nelle scuole, ricordate da Cipolotti, ma anche agli sforzi che sta facendo Dolomiti Emercengy per far capire alle persone l’importanza di dotarsi, prima di andare in montagna, di una polizza assicurativa che copra i costi del soccorso.

Assemblea Ordinaria dei Soci Anno 2018

Il giorno lunedì 30 aprile 2018 alle ore 12.00 in prima convocazione presso la sede amministrativa di Dolomiti Emergency ed in seconda convocazione alle ore 20.00 presso la Sala Cucchini  in Viale Europa 22 si riunirà l’assemblea ordinaria dei soci di Dolomiti Emergency Onlus.

Ordine del giorno:

  1. Approvazione verbale dell’Assemblea precedente
  2. Nomina consigliere vacante
  3. Relazione del Presidente
  4. Intervento Dott. Cipolotti direttore della Scuola di Formazione ‘Falco’
  5. Intervento Dott. Fantinel direttore della Scuola di Formazione di Rianimazione Cardiopolmonare
  6. Approvazione bilancio anno 2017
  7. Approvazione bilancio previsionale anno 2018
  8. Varie ed eventuali

THE WINTER OPENING Sportmarket Cornuda

Sabato 28 ottobre – Dolomiti Emergency sarà presente con uno stand al “The winter opening” presso il mega negozio Sportmarket a Cornuda – Treviso.

Presso il nostro stand potrete avere informazioni sulle nostre attività e troverete moltissimi gadget.

Vi aspettiamo numerosi!!!!!!!

Pedalata in Rosa 3 giugno 2017

Sabato 03 giugno 2017 si terrà la 6^ edizione della “Pedalata in Rosa” : corsa non competitiva lungo la ciclabile “La Lunga Via delle Dolomiti”. La pedalata partirà da Cortina d’Ampezzo per attraversare la Valle del Boite, giungendo a Perarolo di Cadore.  

PARTENZA 

–    Ore 09.30 presso lo stadio del ghiaccio di Cortina d’Ampezzo

–    Ore 10.15 presso la zona pedonale di San Vito di Cadore

Dalle ore 13.00 PASTA PARTY a Perarolo di Cadore , premiazione del concorso “VOTA LA TAPPA PIU’ BELLA” ed estrazione premi per i partecipanti.

TAPPE

–      San Vito di Cadore

–      Borca / Vodo  di Cadore

–      Venas di Cadore

–      Pieve di Cadore

 

QUOTA D’ISCRIZIONE: 10,00 Euro cad.

GRATUITA’: bambini sotto i 6 anni – speciale gruppo ogni 10 partecipanti il successivo è gratuito (11°-22°-33° e così via).

Ogni ciclista ha diritto al kit di partecipazione, il quale comprende:

  • Gadget  (solo per i primi 300 iscritti)
  • Buono pasto
  • Materiale informativo
  • Assistenza medica e assistenza meccanica lungo tutto il percorso
  • Assicurazione

Per info e iscrizioni http://www.pedalatainrosa.it/

 

Indossa la maglietta di Dolomiti Emergency per differenziarci in mezzo al rosa e farci conoscere e chiama i tuoi amici!

 

Saremo presenti con lo stand di Dolomiti Emergency all’arrivo

Assemblea Ordinaria dei Soci Anno 2017

Il giorno martedì 18 aprile 2017 alle ore 12.00 in prima convocazione presso la sede amministrativa di Dolomiti Emergency ed in seconda convocazione alle ore 18.30 presso la Sala Riunioni dell’Ospedale Civile di Belluno in Viale Europa 22 si riunirà l’assemblea ordinaria dei soci di Dolomiti Emergency Onlus.

Ordine del giorno:

  1. Approvazione verbale dell’Assemblea precedente
  2. Relazione del Presidente
  3. Intervento Dott. Cipolotti direttore della Scuola di Formazione ‘Falco’
  4. Intervento Dott. Fantinel direttore della Scuola di Formazione di Rianimazione Cardiopolmonare
  5. Approvazione bilancio anno 2016
  6. Approvazione bilancio previsionale anno 2017
  7. Varie ed eventuali

ANDARE IN MONTAGNA IMPREPARATI E SENZA ASSICURAZIONE PUO’ COSTARE CARO

Sabato 3 Dicembre ore 17.00

Sala del Consiglio della Magnifica Comunità di Cadore

Confronto tra
Adriano Rasi Caldogno – direttore Ulss 1;
Alex Barattin – capo delegazione Soccorso alpino;
Laura Menegus – presidente Dolomiti Emergency;
Alberto Carboni – Cai;
Lio De Nes – Guida alpina;
Mauro Fantinel – cardiologo.

Link: Convegno confronto assicurazioni

Vi aspettiamo numerosi!!